L'ultimo samurai

film, DVD, Divx: dalla semiologia alla tecnologia passando dalle impressioni a caldo sull'ultimo film
Manuela
Messaggi: 65
Iscritto il: ven feb 27, 2004 5:02 pm

L'ultimo samurai

Messaggioda Manuela » lun mag 10, 2004 7:16 pm

Lo so, lo so. Guardo i film quando ormai sono diventati storia appartenente al passato, ma mica colpa mia se non amo affatto recarmi al cinema! Perciò sono "costretta" ad aspettarli in dvd.
Detto ciò: sono l unica a cui questo film non ha "dato" nulla? A cui non è piaciuto affatto? Insomma: è tutto già visto! Un ex capitano che viene reclutato per istruire all'arte della nuova guerra dei soldati arretrati al vecchio (seppur a mio avviso fantastico) metodo. Per una ragione o per un'altra finisce ad "allearsi" con l antagonista, fino quasi a divenire suo amico. Compiono i miracoli e dopo esserci riusciti il non-protagonista muore, ma muore contento. Il tutto incorniciato da una storia d'amore quasi impossibile.
Noioso e privo di ogni avvenenza paesaggistica e culturale.

"Ho quasi pianto diverse volte durante la proiezione del film!" mi ha detto mio cugino.
Pianto??? E per cosa?? Nemmeno un pizzico di commozione ho provato io!
L'unica cosa che mi ha "entusiasmata" (ma esagerando!!) è stato l' hara-kiri (l'atto dello squarciarsi la pancia uccidendosi per salvare il proprio onore).
Oltre questo nulla.
Proverò ad ogni modo a riguardarlo, chissà che possa cambiare idea associandomi a tutte quelle persone così affascinate da tale film, anche se ne dubito fortemente.

basilio
Messaggi: 68
Iscritto il: ven feb 27, 2004 11:09 am
Località: Lausanne

Messaggioda basilio » mar mag 11, 2004 4:02 pm

il Seppuku (e' il vero nome del suicidio rituale giapponese, hara-kiri vuol solo dire aprirsi la pancia.) e' un tema che ricorre ad oltranza in quel film che e' ben girato eccetera ma ha un retrogusto di balla coi lupi senza concederene la magia.
L'immagine del giappone del bakumatsu (quando hanno vietato le spade e sciolto gli ordini dei samurai) che presentano nel film e' un paese dove la gente vuole suicidarsi per onore ogni 4 minuti (l'insistenza con cui la sorella del capotribu chiede di potersi ammazzare e' snervante). Sembra un po' che "alla tele dicono che i giapponesi si ammazzavano per mantenere l'onore" e quindi bisogna calcare all'inverosimile su questo punto.
In balla coi lupi presentavano una cultura che affascinava in ogni suo aspetto. Qui ridicolizzano quasi questa cultura che effettivamente ha sempre premiato gli insuccessi (i grandi vincitori non sono mai passati alla storia in giappone, soltanto i grandi sconfitti) ma che non per questo dava cosi' poco valore alla vita umana.
"you should always choose the lesser of two weevils"

Yari
Messaggi: 109
Iscritto il: lun mar 01, 2004 1:28 pm
Località: Firenze

Re: L'ultimo samurai

Messaggioda Yari » mar mag 11, 2004 4:18 pm

Manuela ha scritto:mica colpa mia se non amo affatto recarmi al cinema! Perciò sono "costretta" ad aspettarli in dvd.

Direi che invece è piuttosto discutibile... :?
"I love when chocolate chip cookies follow me..."
"Era una notte buia e tempestosa. D'un tratto esplose uno sparo!"

roby noris
Messaggi: 342
Iscritto il: gio feb 26, 2004 9:30 pm
Località: CH Lugano-Pregassona
Contatta:

Messaggioda roby noris » gio mag 13, 2004 7:09 pm

basilio ha scritto:ben girato eccetera ma ha un retrogusto di balla coi lupi senza concederene la magia.....In balla coi lupi presentavano una cultura che affascinava in ogni suo aspetto. Qui ridicolizzano quasi questa cultura...

Bello e centrato il riferimento. Concordo pienamente con Basilio, il punto veramente debole di questo film credo sia proprio questo. Pur conoscendo ben poco della cultura degli indiani d'America e del Giappone antico, in Balla coi lupi entri in un mondo sconosciuto che ti prende e ti affascina, mentre nell'Ultimo samurai intuisci che in quella cultura c'è una ricchezza straordinaria ma non ti è permesso quasi di avvicinarla o di sfiorarla. Peccato.
Ho appena visto un lavoro giapponese premiato a Venezia girato in bianco e nero, curatissimo, una specie di triller con percorso psico-eroticheggiante, A Snake of June, che in fondo pur dandomi la sensazione che davvero siamo lontani da quella cultura, questa ha una magia nascosta e un fascino straordinario, magnetico, hai voglia di capirla di più. Con Last Samurai questo non succede assolutamente anche se il film è piacevole.


Torna a “Cinema e dintorni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 0 ospiti

cron